Rallentare

rallentare_LaGrecchi

Agosto è arrivato e la vera notizia è che quest’anno io, Max e Toto faremo le vacanze: incredibile!

Ma dovremo aspettare, infatti gli agognati giorni di pausa saranno a settembre. Nel frattempo ho deciso di rallentare il ritmo e di farvi compagnia con un solo post a settimana per il restante mese d’agosto.

Poi ci sarà il rientro e a ottobre una piccola grande sorpresa, quindi ricordatevi di dare un’occhiata al blog per restare aggiornati!

Agosto

Agosto, tutti in vacanza. Su facebook e su Instagram tutti pubblicano foto di luoghi ameni e cibo succulento. Ecco le foto del cibo le capisco poco, ma non importa.

Più radio, internet e televisione dicono che le temperature sono bollenti più aumentano le foto di amici, parenti e conoscenti al mare o in montagna che ti assicurano che loro lì stanno freschi.

Ora è vero che è agosto, ma non tutti possono prendere e andare, non tutti hanno parenti in luoghi montani o marini, case di famiglia in luoghi strategici per trascorrere un periodo al fresco o amici prontamente disponibili a ospitare, così come non tutti partono in agosto, ormai molti vanno via in settembre.

Io per esempio. Non vado in vacanza, non mi sposto da casa mia, resto in città. Certo la mia routine quotidiana si modifica, ma di poco. E così ho deciso di approfittare di questi giorni rallentati per guardare i luoghi di sempre con occhi diversi, per prendermi del tempo per passeggiare o girare in bici o visitare mostre e musei.

Dopotutto è estate. Quindi vi beccate questa piccola cronaca di un agosto in città, tra negozi sbarrati, strade quasi deserte e il sole a picco.

agosto_elenatrastelleegomitoli

 

Vacanze

Ed eccomi di nuovo qui. Questo agosto sta trascorrendo senza che quasi me ne accorga tra gente che parte, gente che torna, case da guardare, gatti da badare e foto, foto, tante foto di quelli che viaggiano.

Foto praticamente uguali: spiagge, montagne, laghi, vedute panoramiche del mare e via dicendo.

E cibo. Tanto cibo.

Sembra che chi molla gli ormeggi per andare in vacanza pensi soprattutto a mangiare e ci tenga molto a farlo sapere a noi che per un motivo o per l’altro in vacanza non ci siamo andati.

All’inizio guardi con un certo interesse tutte queste immagini, alcuni sono luoghi interessanti, ma a lungo andare l’occhio scivola via perché non trova nulla d’intrigante a cui aggrapparsi. Le fotografie sono tutte uguali e si confondo tra loro.

E si ritorna alla realtà: sveglia alla solita ora, casa, lavoro per chi ce l’ha, e via dicendo. Per noi che le vacanze non sappiamo nemmeno che faccia abbiano questo agosto non è poi così diverso da un qualsiasi mese dell’anno.