esperienze della Grecchi

Priorità

Trasformare la materia prima in qualcosa che prima non c’era è davvero molto divertente. Non so voi, ma io cucino e trasformo ogni giorno verdure, carne, farina, in altre cose e non mi dispiace.

Non uso prodotti congelati e mi annoio a mangiare due volte la stessa cosa, intendo che proprio mi passa l’appetito perché per me mangiare è un piacere, non una cosa che bisogna fare per forza e il tempo dedicato alla cucina e al mangiare è un tempo importante, di piacere appunto.

Ho scoperto con gli anni che non tutti la vedono così, molti mangiano solo perché hanno fame senza curarsi di cosa si mettono in bocca, di cosa è fatto quello che mangiano, soddisfano semplicemente un bisogno a cui non associano altro piacere che quello di saziarsi.

Sembra inoltre che la gente quasi non cucini più. Cosa per me incomprensibile anche perché alla televisione ci sono decine di programmi che parlano di cucina… La gente evidentemente li guarda, ne parla, ma non applica, lo trovo un po’ un controsenso.

In fondo è tutta questione di organizzazione e di priorità. Io faccio la spesa programmando la settimana e poi trovo il tempo per fare, l’ho sempre trovato anche quando facevo la pendolare con sveglia alle 5,30 e rientro a casa alle 20.

Priorità.

Così come ho sempre un lavoro a maglia a portata di mano e non riesco ad andare a dormire senza aver fatto tre o quattro ferri almeno. Anche se sono stanca o se sono rientrata da una serata con le amiche.

Mi serve per rilassarmi e sgomberare la mente, è una priorità.

cucina · vita quotidiana

Torta alla banana

torta_banana

Sempre alla ricerca di ricette rapide per realizzare la torta del turno di notte del marito sono capitata su questa torta alla banana.

Il blog di Bananna Kitchen è proprio quello che fa per me!

Ecco come mi sono regolata col Bimby.

Ho preso una banana matura e l’ho frullata in 125 gr di latte, poi ho aggiunto 2 uova, 50 gr di burro e 80 di zucchero e ho impastato: 40 secondi a velocità 5.

Ho aggiunto 230 gr di farina e ho proseguito 40 secondi velocità 5/6. Poi ho aggiunto il lievito e ho proseguito per 20 secondi a velocità 5.

La cosa bella del Bimby è che se hai poco tempo fai l’impasto della torta in un attimo! Ho messo in forno a 180 gradi per 40/45 minuti.

Non ho aggiunto il cacao perché non ho mai fatto una torta con la banana e volevo vedere come veniva. Il risultato è stato soddisfacente, quindi la prossima volta la farò di due colori!

cucina · vita quotidiana

Michelacc

Torta_michelacc_elenatrastelleegomitoli

Ecco il Michelacc o Torta Paesana, devo dire che mi è venuta niente male, con la crosticina e l’interno morbido della consistenza di un budino bello solido.

ricetta_michelacc_elenatrastelleegomitoli

Come potete notare dalla ricetta scritta di pugno dalla madre di un’amica le dosi sono a occhio. Indicativamente vi dico come mi sono regolata.

Ho fatto bollire un litro di latte, poi l’ho tolto dal fuoco e ho aggiunto un paio di cucchiai da minestra di zucchero e cinque o sei cucchiaini di cacao amaro. Ho mescolato bene e poi ho versato il tutto sul pane fatto a pezzetti e sugli amaretti. Tutto sta nell’indovinare la proporzione tra pane e latte, l’obiettivo è che il pane e i biscotti assorbano il latte, ma se l’assorbono tutto la torta diventerà un po’ più dura, se invece pane e amaretti si lasceranno ammorbidire dal latte senza assorbirlo completamente la torta diverrà della giusta consistenza. Poi ho passato tutto al frullatore aggiungendo un uovo. Il composto deve essere morbido non liquido. A me i pinoli e l’uvetta non piacciono nelle torte e nemmeno l’alcool quindi non li ho aggiunti, del burro ho fatto a meno perché mi sembrava inutile. Quindi ho versato il composto nella tortiera e messo in forno a 180° gradi (ebbene sì possiedo ancora un forno a gas!) Ho sfornato dopo un’ora… et voilà!