Le scoperte della Grecchi

Consigli di viaggio

Viaggi_LaGrecchi

Ormai sarete tutti in viaggio o conterete i giorni che vi mancano alle vacanze, nel caso non aveste ancora ben chiaro dove andare potreste fare un salto in treno a Zurigo e visitare la stazione centrale.

Vi trovereste un enorme albero fatto all’uncinetto, si tratta di una grande installazione dall’artista concettuale brasialiano Ernesto Neto, realizzata in collaborazione con la Fondazione Beyeler: il GaiaMother Tree. Armatevi di stupore e meraviglia e provate a entrare in questa struttura per rilassarvi o per meditare, deve essere un’esperienza bellissima.

Se invece siete a casa e sognate le vostre ferie in autunno potreste segnarvi in agenda una visita alla Tate Modern di Londra in ottobre. Proprio in autunno infatti, dall’11 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019 verrà presentata la prima grande retrospettiva inglese dedicata ad Anni Albers, artista tessile del Bauhaus.

Potrete vedere come l’artista sia riuscita a reinventare la tessitura a mano utilizzando forme e colori, è davvero molto interessante.

Io invece mi godo Torino che non è solo Fiat, ma anche e soprattutto musei, parchi, storia. Se non l’avete ancora fatto fateci un salto di sicuro non è come pensate.

 

 

Eventi · libri · sensazioni

SalTo18

manifesto2018_DEF_cmyk

Seppellite il mio cuore al 31° Salone Internazionale del Libro di Torino il 10 maggio verso le 10 di mattina e disseppelitelo il 14 maggio nel pomeriggio. Quest’anno una volta entrati non vorrete più uscire tanto ci sarà da leggere, vedere e ascoltare.

Il Salone si svolgerà al Lingotto, padiglioni 1, 2 e 3 Lingotto Fiere e padiglione 5 che sono in overbooking, non ci sta più uno spillo!

Quest’anno il paese ospite sarà la Francia, ma tutti hanno voluto essere a Torino, da Jeremy Rifkin al neo premio Pulitzer Andrew Sean Greer, da Roddy Doyle a Alicia Giménez-Bartlett, da Roberto Saviano a Eduard Limonov e Bjiorn Larsson. La lista è lunga, ma tranquilli potete trovare il programma qui

Ci saranno i finalisti del Premio Strega, il vincitore verrà annunciato al Salone, ci sarà il cinema con Bertolucci e Guadagnino, le serie televisive con i doppiatori di Games of Thrones, Lucca Comics and Games con un confronto tra gli ideatori di Assassin’s Creed, e il direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco, il Bookstock Village la parte del salone dedicata alle scuole e ai ragazzi di ogni età, dai più piccoli agli adolescenti.

Una parte sarà dedicata al Vicino Oriente con Anime Arabe in occasione dei quarant’anni dalla pubblicazione di Orientalismo di Edward Said, in questo ambito si parlerà anche dell’Egitto contemporaneo con ospiti i genitori di Giulio Regeni.

Nicola Lagioia il direttore editoriale del salone del Libro alla conferenza stampa di presentazione ha fatto un intervento fiume per raccontarci tutto quello che è riuscito a stipare in questa 31 edizione vincendo l’hastag su twitter #maratonalagioia!

E io sono rimasta ipnotizzata da tutti i nomi e gli eventi che sentivo snocciolare. Riuscivo solo a pensare: e poi? e poi chi altro? E poi ci saranno feste in tutta la città oltre a quella classica di sabato della Scuola Holden, e poi ci sarà il Salone Off con eventi sparsi in tutta la città, insomma saranno giornate molto intense segnatevi bene le date in calendario: dal 10 al 14 maggio 2018 a Torino, Lingotto Fiere gli orari sono dalle 10 alle 20.

Ah! Il programma non è ancora definitivo, altri eventi potrebbero aggiungersi, verificate sul sito, ci vediamo al Salone!

 

 

 

 

 

Eventi · knit · libri · Uncategorized

Il giorno dopo

Il Salone del Internazionale del Libro di Torino si è concluso e oggi dovrei scrivere un post su questa esperienza che è stata bella, coinvolgente e molto stancante. Ma non me la sento.

Oggi è la mattina dopo la strage di Manchester. Ancora. Non me la sento di ridere e scherzare, voglio solo mandare un pensiero ai sopravvissuti e ai genitori delle vittime. Perché ho avuto paura anch’io mentre ero in coda per entrare al Salone. Eravamo su un grande piazzale: un’ auto lanciata a tutta velocità avrebbe potuto provocare una strage analoga a quella di Nizza o della Germania.

Io capisco che ognuno di noi deve andare avanti con la propria vita, è normale, ma fermiamoci qualche secondo per dedicare un pensiero alle vittime di queste stragi.

Io voglio dedicare questa immagine a tutti noi, siamo tutti uniti in un nodo, che lo vogliamo o meno.

IMG_20170520_122429

sensazioni

Un pizzico di nostalgia

elenag_lavoro

Il tempo passa inesorabile e proprio oggi qui a Torino è arrivato il freddo, tempo ideale quindi per sferruzzare con accanto una bella tazza di the… ma anche con una tazza di cioccolata calda!

In questi giorni sto ultimando la maglia che sarà oggetto di un corso per imparare a fare una maglia senza cuciture e ho modo di concentrarmi e di vagare con il pensiero.

Ad esempio ho capito che un po’ mi manca la mia città natale. Io abito a Torino ma sono nata, cresciuta e vissuta a Milano quindi quando penso a casa, nonostante mi trovi come un topo nel formaggio nella città dove abito, penso a Milano. Ma non a tutta la città. Alle strade del quartiere dove sono cresciuta, alla fermata della metropolitana San Babila da cui sono passata migliaia di volte, a piazza santo Stefano…

Fino a qualche mese fa andavo regolarmente a Milano a trovare mia madre, quindi non avevo proprio rotto il cordone ombelicale, ma adesso che anche mia madre si è trasferita a Torino non prendo più il treno da parecchio. E’ buffo, ma dovrei valutare di fare una gita in giornata per passeggiare su strade che sono contenitori di ricordi.