La cucina della Grecchi

Torta di Farina Gialla

Tanto tempo fa in una lontana galassia…No ho sbagliato è un’altra storia.

Per la rubrica: Torta di Mezzanotte oggi vi parlerò della mia torta preferita la torta di farina gialla. Per i nuovi del blog mio marito al lavoro fa i turni e quando gli tocca la notte gli preparo sempre una torta da condividere con i colleghi.

La torta di farina gialla la preparo alla vecchia maniera e ne tengo una parte per me perché mi piace troppo. Ma passiamo alla ricetta:

150 gr di farina 00, 75gr di farina gialla, una bustina di lievito per dolci, 120gr di butto, 120gr di zucchero, 2 uova, latte q.b.

Sbattete bene i tuorli d’uovo con lo zucchero, fate fondere il burro e aggiungetelo a filo al composto di uova e zucchero, mischiate insieme le farine e il lievito e unitele a poco a poco all’impasto, il tutto deve risultare morbido, se vi sembra troppo sodo aggiungete un sorso di latte. Montate le chiare d’uovo a neve ben ferma e aggiungetele all’impasto, poi mettete il tutto in una tortiera e in forno a 180 gradi per circa un ora.

Sfornate e mangiate!

 

i libri della Grecchi

Un libro insolito

LaGrecchi_Senza_Tregua

Avete presente quella catena di Facebook che impone di pubblicare per dieci giorni un libro che è piaciuto senza commenti e di nominare un’altra persona che faccia la stessa cosa? Bene io proprio non sono riuscita a partecipare, ma ho scoperto alcuni titoli interessanti che mi sono ripromessa di leggere, uno di questi è Senza Tregua di George Alec Effinger, Editrice Nord.

Mi aspettavo di leggere un romanzo di fantascienza e invece mi sono trovata in un crime abbastanza buono. Di fantascientifico ci sono gli impianti cercebrali che permettono di cambiare personalità e la possibilità di cambiare il proprio corpo senza problemi, basta pagare.

L’autore George Alec Effinger è statunitense e quindi mi aspettavo di leggere una storia come minimo ambientata in un paese di lingua anglosassone spostata nel futuro.

E invece no.

La cosa più spiazzante in questo libro uscito nel 1987 è l’ambientazione in un paese di lingua araba perchè di solito queste storie si svolgono in occidente, alla fine sembra di leggere una storia delle Mille e una Notte.

Il protagonista indossa la galabeya per uscire di casa e per passare inosservato si veste e si comporta come un fellah, un contadino. Quando incontra chi ha potere prima si mangia e si beve e poi si parla di affari e quando c’è il ramadan si sta svegli tutta la notte.

Il protagonista Marìd Audran viene dall’Algeria ed è musulmano, ma non osservante e questo lo fa passare per uno di poco conto. A me è sembrato la versione medio orientale di Philip Marlowe.

Il libro è scritto bene, il meccanismo crime funziona e penso che mi andrò a cercare gli altri due libri che compongono la trilogia: Programma Fenice e Esilio dal Budayeen.

 

esperienze della Grecchi

Cosa ho sui ferri?

LaGrecchi_wip

Lavorare a maglia per me è diventato un modo normale di passare il tempo. Si dice che lavorare a maglia sia un toccasana per migliorare l’umore, come minimo posso dire che aiuta a distrarsi dai problemi quotidiani e piano piano diventa un’abitudine che diventa una necessità.

Molti scrittori consigliano a chi ha il blocco dello scrittore di fare altro ad esempio lavorare a maglia o all’uncinetto perché sblocca la creatività.

E io che cos’ho sui ferri in questi giorni? Sì perché quando si entra nel tunnel un lavoro non basta, ce ne vogliono almeno due o tre in modo da poter scegliere a quale lavorare a seconda dell’umore, della stanchezza e della capacità di attenzione. Ad esempio mai lavorare un motivo molto traforato mentre si guarda il telefilm preferito, l’errore è dietro l’angolo.

In questo momento sto lavorando a un Marzolino in nero in un filato molto bello in merino e lino di LanaGrossa, quando sarà finito lo metterò nello shop. Poi devo finire le calze con il gioco di ferri, ammetto di averle lasciate un po’ indietro…

Ho deciso di riproporre Viking, una sciarpa con le trecce che avevo creato per i filati di VIACALIMALA. Ho ripreso il pattern, ho fatto qualche piccola modifica, e lo sto lavorando in un filato lana e seta della Sesia che da molta soddisfazione, quando sarà finita metterò il pattern su ravelry e la sciarpa nello shop.

E poi mi dovrò decidere a mettere mano alle istruzioni di maglie e cardigan…

Insomma il lavoro come si vede non manca mai e l’umore resta alto!

 

 

 

Le stelle della Grecchi

Oroscopo dei Knitters: Novembre

elenatrastelleegomitoli_settembre_2017

Ariete: Lavori in corso: Mese propizio il vostro, basti dire che Giove passerà nel segno amico del Sagittario l’8 novembre, quindi fuori i sorrisi e seppellite ferri e uncinetti da guerra! E fuori le idee visto che avete anche mercurio a favore. Vedo e prevedo almeno tre o quattro nuovi progetti sui vostri ferri, terminarli sarà la vostra sfida del mese. Un consiglio: per i colori fidatevi dei consigli degli amici: questo mese rischierete di scegliere sempre gli stessi o di fare abbinamenti per così dire stravaganti…

Quanti gomitoli hai? Si avvicinano le feste natalizie, di sicuro saprete bene cosa farvi regalare, frenate l’impazienza e mettete via la carta di credito altrimenti vi rovinerete il piacere di ricevere un regalo.

Corsi e Incontri: Gli incontri con gli amici saranno piacevoli e divertenti, se vi capita seguite qualche workshop sarà una buona occasione per imparare qualcosa di nuovo e fare interessanti conoscenze.

Toro: Lavori in corso: Anche questo mese dovrete muovervi con cautela, non date nulla per scontato in casa, sul lavoro e sui ferri. La buona notizia è il passaggio di Giove in Sagittario l’8 novembre che alleggerirà il clima intorno a voi. Cercate di non caricarvi di troppi progetti per natale altrimenti non riuscirete ad arrivare in tempo e prima di iniziare qualcosa di nuovo finite quello che avete nella borsa.

Quanti gomitoli hai? Voi che di solito siete così attenti alle spese questo mese rischiate di lasciarvi andare un po’ troppo per poi non sapere più dove stivare i gomitoli!

Corsi e Incontri: Un po’ la mancanza di tempo e un po’ la mancanza di voglia di uscire di casa faranno sì che direte più no che sì agli amici e questo non farà bene al vostro umore quindi fatevi forza e uscite!

Gemelli: Lavori in corso: Questo mese non potrete contare sulla vostra prontezza mentale e nemmeno sul caso a favore, quindi rallentate e pensate prima di parlare o di partire con un nuovo progetto. Giove l’8 novembre passerà in Sagittario e comincerà a giocare sporco contro di voi per circa un anno quindi prudenza, mi raccomando. Per il resto sarete piuttosto presi tra progetti da terminare e altri da far partire: natale si avvicina!

Quanti gomitoli hai? Sarete piuttosto combattuti tra l’impulso all’acquisto compulsivo e il buon senso, non so chi vincerà…

Corsi e Incontri: Vi farete coinvolgere volentieri dagli amici e parteciperete a knit cafè, workshop e corsi con entusiasmo.

Cancro: Lavori in corso: Mese abbastanza favorevole questo per voi, Giove passerà in Sagittario l’8 novembre senza far troppi danni, anzi riuscirete a concretizzare più rapidamente le vostre idee. Certo gli imprevisti non mancheranno, ma sarete pronti ad affrontarli. Seguite sempre il vostro intuito e non sbaglierete, anche sui ferri: se non ve la sentite di fare un regalo o di mettere su un nuovo progetto non fatelo.

Quanti gomitoli hai? Questo mese potreste cadere vittime dell’acquisto imprevisto, fantastico al momento, da scontare più tardi.

Corsi e Incontri: Anche in questo caso seguito l’intuito, non sempre avrete voglia di vedere gente e fare cose.

Leone: Lavori in corso: Novembre non è un mese fantastico per voi: troppo freddo, poco sole, ma questa volta il sorriso ve lo porterà Giove che traslocherà in sagittario l’8 novembre e vi sarà favorevole per circa un anno. Per il resto ci sarà da lottare contro imprevisti e malintesi, cercate di mantenervi positivi e buttatevi sui vostri progetti di maglia e uncinetto per ritrovare un pizzico di serenità.

Quanti gomitoli hai? Queste mese dovrete tirare la cinghia, quindi controllate l’impulsività e evitate le tentazioni, se ci riuscirete poi vi meriterete un premio!

Corsi e Incontri: Se vi sentite giù ricorrete agli amici: un po’ di chiacchiere e sferruzzo libero vi ridaranno il sorriso!

Vergine: Lavori in corso: Mese intenso il vostro anche se dovrete abituarvi a non avere più il favore di Giove che l’8 novembre passerà in Sagittario dove resterà per circa un anno. Anche la lucidità mentale potrebbe venire meno, quindi cercate di restare con i piedi per terra, ascoltate con attenzione i consigli delle amiche e non mettete sui ferri troppi progetti per natale, siate selettivi.

Quanti gomitoli hai? Questo mese non ce la farete a resistere ve lo dico subito, un acquisto lo farete di sicuro, sarà un toccasana per l’umore, un po’ meno per il portafogli.

Corsi e Incontri: Fate attenzione a non passare più tempo con gli amici che in casa, qualcuno potrebbe irritarsi.

Bilancia: Lavori in corso: Mese di corsa il vostro, ma riuscirete a mantenere sorriso e serenità. Giove l’8 novembre passerà in Sagittario dove resterà per circa un anno e porterà nuove idee e incontri interessanti. Cominciate subito con il mettere qualcosa di nuovo sui ferri o sull’uncinetto, non avrete molto tempo per lavorare, ma basterà per farvi ritrovare la tranquillità.

Quanti gomitoli hai? I soldi questo mese andranno e verranno con una certa facilità, secondo me riuscirete a farvi un piccolo regalo in gomitoli.

Corsi e Incontri: Stare con gli amici, frequentare corsi e workshop vi farà sentire bene, quindi uscite!

Scorpione: Lavori in corso: Questo è il vostro mese cari Scorpione quindi datevi da fare! Purtroppo Giove che vi ha favoriti per circa un anno uscirà dal vostro segno l’8 novembre per passare in Sagittario dove resterà per circa un anno, ma sarà sempre benigno con voi. Cercate di mantenere sempre la calma perché qualche piccolo imprevisto vi metterà alla prova. Avrete voglia di sferruzzare qualcosa di bello quindi fatelo, prima però controllate di avere finito i lavori in fondo alla borsa…

Quanti gomitoli hai? Vi potete permettere di ampliare la vostra scorta di gomitoli, scegliete con cura.

Corsi e Incontri: Questo mese non avrete molta voglia di condividere e preferirete limitare le uscite, non esagerate però altrimenti le amiche si offendono!

Sagittario: Lavori in corso: Sarà un mese intenso il vostro in cui potrete festeggiare l’ingresso di Giove nel vostro segno l’8 novembre dove resterà per circa un anno. Potrete contare finalmente sul caso a favore, ma non esagerate dovrete metterci un pizzico del vostro. Siate un po’ più diplomatici con amici e colleghi altrimenti comunicare diventerà sempre più difficile. L’entusiasmo è una bella cosa, ma cercate di non esagerare con i progetti da regalare, non mettete sui ferri più di tre progetti se volete finire in tempo.

Quanti gomitoli hai? Questo mese dovrete stare attenti alle spese, quindi resistete alle tentazioni, vi rifarete in un altro momento.

Capricorno: Lavori in corso: Mese impegnativo, come sempre per voi, ma questa volta la notizia è il passaggio di Giove nel segno del Sagittario l’8 novembre che dovrebbe alleggerire il clima intorno a voi per circa un anno. Avrete voglia di fare regali a chi vi sta vicino e sceglierete con cura i progetti da mettere sui ferri per natale, vi rilasserà sferruzzare per gli altri, ma accettate consigli per la scelta dei colori, i vostri gusti potrebbero essere troppo cupi.

Quanti gomitoli hai? Qualche spesa imprevista potrebbe limitarvi nell’acquisto di nuovi filati, ma non importa: vi rifarete.

Corsi e Incontri: Vedere gli amici sarà un buon modo per distrarsi e risollevare l’umore, seguire qualche workshop potrebbe aumentare la fiducia nelle vostre capacità.

Acquario: Lavori in corso: Novembre è un mese un po’ complesso da gestire per voi, ma la buona notizia è l’uscita di Giove dal segno dello Scorpione per passare nel Sagittario l’8 novembre e alleggerire il vostro umore. Ci saranno nuove conoscenze e nuovi progetti a cui dare attenzione e non potrete permettervi di sentirvi scarichi. Marte lascerà il vostro segno il 15 novembre e anche questo vi aiuterà a ritrovare la calma, gli impegni diventeranno più gestibili e riuscirete a pensare a quale nuovo progetto mettere sui ferri o sull’uncinetto.

Quanti gomitoli hai? Non fatevi prendere dall’entusiasmo, contate fino a cento prima di usare la carta di credito sul vostro sito preferito perché rischiate di fare il passo più lungo della gamba.

Corsi e Incontri: Vedrete volentieri gli amici che saranno fonte d’ispirazione per nuove idee.

Pesci: Lavori in corso: Novembre è un mese propizio per voi, ma questa volta dovrete nuotare con prudenza per evitare gli squali, Giove infatti l’8 novembre smetterà di esservi favorevole e passerà in Sagittario segno non proprio amico. Marte invece entrerà nel vostro segno il 15 novembre: vi avviso le vostre giornate potrebbero diventare frenetiche, cercate di organizzarvi, se pensate di fare dei regali di natale a maglia o all’uncinetto partite ieri!

Quanti gomitoli hai? Questo sarà l’ultimo dei vostri pensieri, rimanderete lo shopping al mese prossimo.

Corsi e Incontri: Uscirete volentieri di casa per seguire corsi o workshop o per vedere gli amici, cercate di arrivare puntuali.

Gli eventi della Grecchi · Uncategorized

NaNoWriMo 2018

41089606_1991851110871166_5596751709956210688_n

E’ ai blocchi di partenza l’edizione 2018 del NaNoWriMo, per esteso: National Novel Writing Month, siete pronti?

Per capire di cosa si tratta ho pensato di fare due chiacchiere con LordMax al secolo Massimiliano Enrico, uno dei tre ML (Municipal Liaison) ovvero uno dei tre responsabili per l’edizione italiana.

“Un gruppo di appassionati della scrittura nel 2005 ha fondato un’associazione no profit per aiutare gli aspiranti scrittori a fare la cosa più difficile: scrivere ogni giorno. Sembra banale, ma è il primo trucco per diventare scrittori o per riuscire a portare a termine il famoso primo romanzo.

Così hanno lanciato la sfida: scrivere in un mese una novella di cinquantamila parole. Perché proprio cinquantamila parole? Perché é la lunghezza del romanzo: Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald che è stato scritto proprio in trenta giorni.

Ogni anno a novembre chiunque può sfidare sè stesso e cimentarsi nell’impresa. L’obiettivo è scrivere 1667 parole al giorno, o di più se si riesce. Tutto quello che bisogna fare è iscriversi al sito del NaNo e caricare ogni giorno le parole scritte.

A questa iniziativa partecipano da tutto il mondo, in Italia esiste un gruppo Facebook che dà sostegno agli aspiranti scrittori. Nel mese di ottobre, detto Preptober ogni giorno è stato messo a disposizione sul gruppo e sull’account Instagram un esercizio di preparazione in modo da arrivare al primo novembre con le idee chiare.

Poi durante tutto il mese di novembre si potrà partecipare ai gruppi di sostegno per le crisi di disperazione o per le idee geniali su Discord, Telegram, Facebook e il forum in italiano sul sito del NaNoWriMo, oltre agli account Twitter e Instagram.

Verrà attivato un programma di mentoring, detto NaNo Mentor in cui ci si può iscrivere per dare e ricevere sostegno da altri partecipanti. Per i più disperati verrano messi a disposizione esercizi per stimolare la creatività e per chi ha bisogno di confronti diretti ci saranno i write-in fisici e virtuali. Per i più combattivi saranno organizzate delle Word’s War nella chat di Discord, saranno sfide a tempo a chi scrive più parole.”

Tutto chiaro? Bene allora… al lavoro!

 

 

 

esperienze della Grecchi

Gioco di Ferri

laGrecchi_GiocoFerri

Quando ho ripreso in mano i ferri dopo anni non ho fatto dei corsi, ma ho preso un manuale e ho cominciato a studiare e a fare. Poi più tardi, quando ormai ero padrona della tecnica continental, ho cominciato a seguire corsi e workshop.

In un paio di occasioni ho anche provato a usare il gioco di ferri, sempre seguendo le istruzioni del manuale, ma forse non era il momento giusto o forse non avevo abbastanza pazienza, fatto sta che dopo poco mi saliva il nervoso e buttavo i ferri lontano da me!

Così quando si è trattato d’imparare a fare i calzini mi sono buttata con gioia sui mini circolari, minuscoli stecchini con il filo attaccato perfetti per le piccole circonferenze. In questo caso però bisogna usare le dita e dopo un po’ ho cominciato a sentire un certo affaticamento alle mani, così quando Federica di Wool Crossing ha proposto un corso per fare un calzino partendo dalla punta con il gioco di ferri mi sono iscritta, con gioia naturalmente!

Ho scoperto che il trucco è usare ferri non troppo lunghi di bambù, almeno per noi principianti, perché sono un po’ ruvidi e non si rischia di perdere i punti. Dopodiché la difficoltà rimane perché gestire tutti questi stecchini non è facilissimo e ci vuole una buona dose di pazienza. La tecnica consiste nel disporre le maglie su quattro ferri e usarne un quinto per lavorare un ferro alla volta. Il difficile è come tenere in mano il lavoro ed evitare che gli altri ferri s’intromettano mentre si lavora.

Mi sto esercitando, mi piacerebbe aggiungere qualche calzino allo shop.

 

La cucina della Grecchi

Crostata alla crema di nocciole

crostatacremanocciole_LaGrecchi

Rieccoci alla famosa rubrica: la torta di mezzanotte. Per chi non lo sapesse il marito al lavoro fa i turni e ogni tanto gli capita il turno di notte, così per non lasciarlo con il buco allo stomaco delle tre di notte gli preparo una torta.

Questa crostata gliel’ho fatta una volta sola, avevo paura che fosse un po’ troppo fragile da trasportare, ma ha superato brillantemente la prova e magari ripeterò l’esperienza.

Vi dico subito che sia per la pasta frolla che per la crema di nocciole ho usato il Bimby che è proprio un bell’aiuto nella preparazione dei dolci, soprattutto delle creme. Entrambe le ricette sono nel libro base, quello che vi danno insieme al Bimby quando lo comprate. Tra parentesi devo dire che non rimpiango nemmeno un euro di questo acquisto.

La pasta frolla potete farla a mano, non è difficile, mettete 300 grammi di farina sul piano di lavoro e aggiungete 80 grammi di zucchero, un uovo e un tuorlo, 130 grammi di burro morbido e impastate il tutto velocemente, il segreto è non lavorare troppo l’impasto con le mani. Una volta compattato avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e lo riponete in frigo per 15 minuti.

L’alternativa ovviamente è comprare la pasta frolla già fatta al supermercato.

La crema alle nocciole invece si può sostituire facilmente con la Nutella, successo assicurato!

Il difficile almeno per me sta nella parte manuale del lavoro perché bisogna dividere l’impasto in due parti, una un po’ più piccola dell’altra, stendere la parte più grande e disporla nella teglia, mettere più crema che si può sopra l’impasto (senza esagerare, ma più se ne mette e più è buona!), poi si stende l’impasto più piccolo e lo si adagia sopra al tutto chiudendo bene i bordi. Qui il trucco consiste nell’usare due fogli di carta da forno: uno su cui appoggiare l’impasto e uno da mettere sopra in modo che il mattarello mentre lavora non tocchi l’impasto.

Poi in forno 30 minuti a 180 gradi o finché la torta non prende un bel colore dorato.

Si sforna e si mangia!

 

 

esperienze della Grecchi

Blog non Marketing

LaGrecchi_blog_marketing

Adesso che ho aperto uno shop su Etsy su questo blog dovreste trovare solo articoli che vi spiegano chi sono, cosa faccio, perchè lo faccio e insomma dovrei essere così brava a scrivere che alla fine non potreste fare altro che comprare.

Questo se avessi ben chiaro in mente il mio target ovviamente.

Tranquilli per il momento non è così, sono un po’ confusa su quale potrebbe essere il mio target, ma ho deciso che invece di pensare era meglio agire e così ho fatto.

Ultimamente ho scoperto che noi vecchi blogger di una volta siamo ormai rari: adesso si apre un blog per uno scopo preciso che nella maggior parte dei casi è vendere.

Non me la sono proprio sentita di fare così perché è un comportamente che non mi appartiene. Io mi diverto a scrivere di quello che ho voglia: libri, cucina e maglia per esempio. Non posso pensare di concepire i miei articoli con l’unico scopo di far si che la gente compri, quindi vi dico subito che potete continuare a leggere il blog, ogni tanto troverete degli aggiornamenti dallo shop, ogni tanto un articolo un po’ più mirato, ma solo ogni tanto. Certo questo vorrà dire che venderò meno di altri, ma non importa.

Quello che farò di sicuro sarà a breve fare una news letter mensile a cui sarete liberissimi d’iscrivervi oppure no.

Bene ora che siete avvisati andate a guardare lo shop e se avete delle richieste scrivetemi!

i pattern della Grecchi · LaGrecchiShop

Sbilenco

Eccomi qui con un nuovo scialle tutto per voi!

Sbilenco è uno scialle asimmetrico lavorato dall’alto verso il basso, per ottenere questa forma bisogna eseguire 4 aumenti sul dritto e 1 aumento sul rovescio del lavoro.

Io l’ho fatto in due colori, ma potete scegliere di realizzarlo monocolore. Le istruzioni prevedono due versioni per poterlo realizzare grande o piccolo a seconda del filato che avete a disposizione o di come vi piace indossarlo.

Potete trovare le istruzioni su raverly oppure se preferite averlo già fatto lo trovate sullo shop realizzato con le mie manine!

Se andate a dare un’occhiata su LaGrecchiShop troverete una stola/sciarpa Happy FrogFish bianca e Sbilenco nelle due versioni piccola e grande.

Buon divertimento!

 

 

i libri della Grecchi

Squali!

Shark_LaGrecchi

Quest’estate mi sono dedicata a delle letture d’evasione subacquea.

Per festeggiare la mia prima vacanza al mare dopo tanto tempo mi sono messa a leggere due libri con tema ittico se così si può dire. Cominciamo con un classico: Peter Benchley, Lo Squalo, 1974. Ve lo ricordate? E’ da questo libro che Steven Spielberg ha tratto il suo film del 1975. Un film che non so a voi, ma a me ha segnato l’infanzia. Ricordo ancora le attese ansiose sulla zattera al mare perché qualcuno aveva intravisto una pinna. In liguria.

Ho scoperto che il film è davvero molto fedele al libro che si discosta per il profilo dei personaggi: la moglie del protagonista non è poi così contenta della sua vita sull’isola, l’esperto di squali non è poi così simpatico. Ma le scene con lo squalo sono uguali, tanto che sembra di vedere il film. L’autore poi racconta molto bene il dramma di un isola che vive esclusivamente sul turismo e che rischia lo spopolamento a causa di uno squalo assassino che fa scappare tutti quanti dalle spiagge.

Detto questo non so quali fossero le velleità letterarie dell’autore, ma il libro non è ben calibrato, sembra una via di mezzo tra un romanzo intimista e un horror.

Passiamo a Steve Alten Shark il primo squalo, Mondadori. Da questo libro è stato fatto un film che è uscito nelle sale proprio quest’estate. Non credo sia rimasto molto a lungo, io però l’ho visto. Qui il libro si discosta dal film tranne per alcuni personaggi e per poche scene. Direi che nel film è rimasta l’idea del libro e alcune scene inziali, poi se ne va per un’altra strada.

Il romanzo è più equilibrato rispetto al film, ha una trama chiara e un finale coerente con una storia avventurosa/fantastica, anche se ammetto che mi ha ricordato alcune scene di Sharknado. L’autore di sicuro non aveva velleità artistiche e se avete bisogno di non pensare questo libro è perfetto.