knit

Disfa!

disfare_knitting_elenatrastelleegomitoli

Fare e disfare è tutto un lavorare! Questo è il motto più conosciuto tra i knitter, ovvero tra coloro che lavorano a maglia. Di solito è sempre un dramma. Il desiderio più o meno segreto di ognuno di noi è di lavorare sereni senza fare errori, senza perdere le maglie strada facendo, senza creare buchi imprevisti e via dicendo.

Se ci capita di dover disfare per qualsiasi motivo è tragedia, disperazione e molto raccapriccio.

Per me no.

Io considero il disfare parte integrante del mio lavoro e non ho nessun problema a tirare il filo e sciogliere i punti eseguiti. Non è sempre stato così, anch’io all’inizio consideravo una vergogna il dover disfare: la dimostrazione pratica della mia incapacità. Poi ho capito che non era così.

Chi lavora sbaglia, è inevitabile, è inutile strapparsi i capelli, bisogna invece armarsi di santa pazienza e ricominciare apportando le modifiche necessarie. E non è tempo perso, non lo è mai perché disfacendo e ricominciando si diventa più consapevoli del proprio lavoro, si impara dagli errori, e si va avanti. Bisogna essere più indulgenti verso sé stessi e imparare a utilizzare il tempo in un altro modo.

E poi ci sono i trucchi, molto utili quando si lavora un motivo traforato: si possono piazzare dei marker per delimitare le sezioni che si devono ripetere, o si può usare la linea di sicurezza e cioè inserire un filo sottile tra le maglie di un ferro in modo che in caso di errori non si debba disfare tutto il lavoro.

Io disfo e ricomincio e tu?

 

Esperienze

Insplagenda

insplagenda_2017_elenatrastelleegomitoli

Oggi parliamo di agende, lo so che è solo settembre, quasi ottobre, ma mi sono accorta che c’è fermento e il popolo di Internet si sta già guardando intorno in cerca dell’agenda perfetta.

Io l’ho trovata e adesso ve ne parlo, non solo vi invito a partecipare a un crowdfunding, in italiano: una raccolta fondi.

L’Insplagenda è l’incrocio di tre parole: Inspiration+Planner+Agenda= Insplagenda.

Perché sceglierla? Intanto è rivolta a un pubblico femminile che di solito una ne fa e cento ne pensa, poi è in diverse versioni, sia settimanale che giornaliera, il formato è A5, ed è strutturata con degli spazi appositi per appiccicare dei post it per evitare di pasticciare le pagine e per spostarli di giorno in giorno se non si riesce a fare tutto. Questo è un trucco molto utile che ho copiato sulla mia agenda dell’anno scorso.

Con l’Insplagenda si può fare il punto della situazione e chiarirsi le idee, inoltre ogni settimana arrivano dei piccoli regalini, dei .pdf da stampare con liste di ogni tipo o con tabelle pensate per organizzare meglio la vita quotidiana.

L’Insplagenda è tutto questo e molto di più, è un App che verrà lanciata il 21 ottobre e che non vedo l’ora di provare, ideata per aiutare a tenere tutto sotto controllo attraverso il proprio telefonino.

Se vi ho incuriosito almeno un po’ andate sul sito e studiatevi tutto per bene perché sono aperte le prevendite, i soldi raccolti serviranno per completare l’app.

Inoltre è possibile scaricare gli ultimi mesi del 2017 gratuitamente per provarla e cominciare a usarla, io l’ho fatto e mi sono divertita molto ad assemblarla!

 

 

Esperienze · Eventi · microoroscopo

#Makkoxforever

skroll

Oggi parliamo di satira, attenzione NON di comicità e NON di sfottò, ma di satira, da definizione di wikipedia: ” Un genere della letteratura delle arti e, più in generale, di comunicazione, caratterizzata dall’attenzione critica alla politica e alla società, mostrandone le contraddizioni e promuovendo il cambiamento.”

Un genere in Italia molto poco praticato, salvo nella politica in cui abbiamo avuto dei maestri proprio tra i vignettisti, uno su tutti Vauro.

E’ da un paio di settimane che La7 ha cominciato a trasmettere Skroll di Makkox da lunedì a venerdì alle 19,30. Makkox è il nickname di di Marco Dambrosio noto ai più come il vignettista di Gazebo, programma di Rai 3.

Vignettista d’accordo? Quindi uno che la satira la fa di mestiere.

In Skroll passiamo dalla satira per immagini disegnate alla satira su quello che contiene Internet, e i soggetti non sono più i politici, ma la gente normale che posta i fatti suoi sui social o che fa divulgazione o sproloqui vari e eventuali o altro ancora, spesso senza rendersi conto che chiunque ci può inciampare.

Anche MicroOroscopo è finito tra le grinfie di Makkox e per ben due volte. La prima mi ha preso in giro in modo soft, la seconda (la seconda mi ha passato DUE volte!) in modo non direi più pesante, ma graffiante, alternando le immagini di MICROOROSCOPO! a un orientale che si dava colpi sui genitali come il buon vecchio Tafazzi di MaidireGoal (e questo vuol dire che i Taffazzi ESISTONO!).

Tutt’ e due le volte quando l’ho visto ho riso come una pazza, perché è vero mi ha preso in giro e d’altra parte questo è il suo mestiere e, come dire, forse dico un po’ troppo spesso MICROOROSCOPO!, ma io mi diverto e continuerò a dirlo e se mi prende in giro non è un problema, caso mai gli dedico una microprevisione, Makkox sei avvisato!

Ho scoperto però che sono una rarità. La gente si arrabbia, si offende o la prende sul personale quando diventa il bersaglio della satira, come se fosse un genere riservato solo ai politici o ai vip, ma che non deve in nessun modo toccare le persone normali. Esiste anche un hastag: #la7chiediscusa.

Skroll è una specie di Blob fatto con quello che la gente posta sui social e dovrebbe farci ragionare sul fatto che non è più possibile accendere il telefonino e fare un video convinti che lo vedranno solo i nostri 4 amici perché non è vero e perché… Makkox ti guarda!!!

#makkoxforever.

 

 

 

 

Esperienze · libri

Libri

libreria_elenatrastelleegomitoli_trastelleegomitoli

Non di soli gomitoli è fatta la mia vita e nemmeno di sola astrologia. Diciamo che non sono il tipo di persona che nella vita si è focalizzata su un unico obiettivo preciso, non ci sono mai riuscita. Da piccola adoravo la danza, avrei voluto andare a nuoto, ma non potevo causa raffreddori e otiti, e intanto facevo judo. Per dire.

Così mentre faccio una cosa di solito m’interesso ad altre due e in questo periodo sferruzzo, scrivo il microoroscopo, e leggo. I libri mi hanno sempre accompagnato, ma ultimamente io e loro abbiamo preso le distanze: ero troppo stanca per concentrarmi nella lettura, distratta da angosce e problemi e la mia attenzione volava via.

Ma un libro è la migliore compagnia soprattutto quando viaggi in treno, quindi ho pescato a caso nella mia libreria e ho scoperto un autore che è riuscito a catturare la mia attenzione e a permettermi piccoli intervalli di evasione dai problemi quotidiani.

I romanzi del commissario Maigret non sono per tutti, bisogna essere preparati a un ritmo lento, alla descrizione di stati d’animo non troppo edificanti. Il mistero alla fine viene risolto, ma ti resta sempre un po’ di amaro in bocca. Soprattutto il ritmo del racconto è lento, qualcosa a cui il lettore di adesso è poco abituato.

Questa scrittura però è riuscita a non farmi divorziare dalla lettura. Per fortuna ho in casa quasi tutti i Maigret pubblicati da Adelphi e molti dei romanzi scritti da Simenon perché era l’autore preferito di mia nonna, così ho sempre avuto solo l’imbarazzo della scelta.

I libri continuano a tenermi compagnia, ma è molto difficile per me in questo momento trovare un autore che tenga desta la mia attenzione, al momento sto sperimentando con questo: Il simpatizzante di Viet Thanh Nguyen, Neri Pozza Editore, vi saprò dire.

 

Esperienze · knit

Il lato nascosto del lavoro creativo

quaderno_elenatrastelleegomitoli_trastelleegomitoli

Questo è il mio quaderno di lavoro. Io m’invento modelli a maglia e ho bisogno di un quaderno di lavoro.

Io non ho mai nessuna voglia di usarlo, ma è indispensabile. Perché è vero che creare rende liberi, creare ci fa realizzare, creare è meraviglioso, ma diciamocelo, è un lavoraccio!

Il lato nascosto dei lavori creativi, che sia scrivere romanzi o racconti o creare modelli fatti a maglia o a uncinetto, è la disciplina, il metodo e la rigorosa applicazione. Già scriverlo mi stanca…

Chi scrive deve o anzi dovrebbe esercitarsi ogni giorno, poi appuntarsi le idee, fare ricerche e passare ore alla ricerca della parola più adatta ad esprimere il concetto che ha in mente. Avete mai provato a descrivere una scena d’azione, non so… una bella rapina in banca? Quante ne abbiamo viste in televisione o al cinema? Ma un conto è vederla e un conto è raccontarla per iscritto.

Stessa cosa con i modelli a maglia. Se voglio che altri riescano a realizzare quello che ho in mente devo scrivere diligentemente tutto quello che faccio, ferro dopo ferro. Tipo che se mi entusiasmo per un punto e poi mi dimentico di scrivere i passaggi sono finita, non riuscirò più a ricostruirli a meno di mettermi a rifare tutto.

Quando ho cominciato non credevo che fosse così fondamentale scrivere tutto, pensavo, sì dai poi mi ricordo. Grave, gravisssssimo errore! Soprattutto quando scopri che non tornano i conti, panico!

Così mi sono dovuta abituare mio malgrado perché non sono davvero il tipo precisino che a scuola aveva i quaderni in ordine, magari con la copertina, o che usava il bianchetto per cancellare e riscrivere. Ricordo delle compagne di scuola che avevano i quaderni pesanti per il bianchetto! Io preferivo pasticciare, e lo faccio ancora.

Direi che questo è il lato più noioso del mio lavoro creativo, ma vi assicuro che ho imparato sulla mia pelle a segnare ogni punto!

 

 

astroknitter · Esperienze

Stelle e Gomitoli

bicerin_elenatrastelleegomitoli

Che lavoro fai?

Non produco reddito.

Per anni questa è stata la risposta alla domanda del secolo. Ogni tanto anche: casalinga. In realtà è una domanda a cui non ho mai saputo rispondere perché non ho mai avuto un lavoro, come dire… convenzionale.  Di lavori ne ho fatti tanti e ogni tanto ho provato ad addentrarmi in spiegazioni a chi mi chiedeva, ma i risultati sono sempre stati deludenti.

Il lavoro principale, quello che ho mantenuto per più tempo nel corso degli anni, è stato la codificatrice. Alzi la mano chi ha capito cosa facevo! Vabbé vi do un suggerimento: il settore sono le ricerche di mercato, e cioè lo studio e l’analisi dei comportamenti dei consumatori riguardo a beni specifici. Chiaro no?

Queste analisi si conducono compilando dei questionari che spesso contengono delle domande aperte, dove l’intervistato è incoraggiato a dire la sua opinione e l’intervistatrice deve scrivere il più dettagliatamente possibile le risposte. Queste non sono domande precompilate e per elaborarle entrano in scena i codificatori che leggono quanto scritto, creano un codice e procedono ad applicarlo alle singole risposte, o almeno era quello che si faceva quando lavoravo io, adesso ovviamente sarà tutto diverso.

Avete capito perché evitavo di spiegarlo?

Avere un lavoro definito aiuta a sentirsi definiti? Bho… in ogni caso adesso scelgo la risposta a seconda di chi ho davanti: consulente (parola magica che vuol dire tutto e niente) / insegno a lavorare a maglia/ knitter designer ( il mio preferito perché tanto l’inglese non lo sa nessuno!).

Astrologa non lo dico mai, ma c’è anche questo. Il MicroOroscopo mi ha aiutato insieme al lavoro a maglia in tempi molto difficili, era una piccola pausa tra pensieri e preoccupazioni molto materiali (come pago l’affitto? Cosa cucino stasera?), in cui potevo sorridere.

Stelle e gomitoli, in fondo è questo quello che mi diverte.

 

 

 

cucina · vita quotidiana

Michelacc

Torta_michelacc_elenatrastelleegomitoli

Ecco il Michelacc o Torta Paesana, devo dire che mi è venuta niente male, con la crosticina e l’interno morbido della consistenza di un budino bello solido.

ricetta_michelacc_elenatrastelleegomitoli

Come potete notare dalla ricetta scritta di pugno dalla madre di un’amica le dosi sono a occhio. Indicativamente vi dico come mi sono regolata.

Ho fatto bollire un litro di latte, poi l’ho tolto dal fuoco e ho aggiunto un paio di cucchiai da minestra di zucchero e cinque o sei cucchiaini di cacao amaro. Ho mescolato bene e poi ho versato il tutto sul pane fatto a pezzetti e sugli amaretti. Tutto sta nell’indovinare la proporzione tra pane e latte, l’obiettivo è che il pane e i biscotti assorbano il latte, ma se l’assorbono tutto la torta diventerà un po’ più dura, se invece pane e amaretti si lasceranno ammorbidire dal latte senza assorbirlo completamente la torta diverrà della giusta consistenza. Poi ho passato tutto al frullatore aggiungendo un uovo. Il composto deve essere morbido non liquido. A me i pinoli e l’uvetta non piacciono nelle torte e nemmeno l’alcool quindi non li ho aggiunti, del burro ho fatto a meno perché mi sembrava inutile. Quindi ho versato il composto nella tortiera e messo in forno a 180° gradi (ebbene sì possiedo ancora un forno a gas!) Ho sfornato dopo un’ora… et voilà!

 

cucina · sensazioni

Settembre

hdr

Alla fine è arrivato settembre. Se c’è una cosa su cui si può fare affidamento è il ritorno dei mesi, delle stagioni non tanto.

In ogni caso è arrivato settembre e qui a Torino l’aria è decisamente rinfrescata. Ma il ritmo delle giornate non è ancora frenetico, molti sono appena partiti, le scuole non sono ancora iniziate.

Una volta, tanto tempo fa, settembre era ancora un mese di vacanza e io me ne stavo a Santa Margherita Ligure a fare i bagni e a guardare le giornate che si accorciavano… Bei tempi quando le scuole ricominciavano a ottobre!

Ma torniamo al presente, di solito io in questo mese programmo le cose da fare tipo danza, lavori a maglia,  libri da leggere, buoni propositi tipo: mimettoadieta o puliscocasa non li considero proprio. A proposito ultimamente ho imparato una nuova parola inglese: decluttering che dovrebbe significare sgomberare armadi e stanze da abiti vecchi e oggetti che non usiamo più. Una volta si sarebbe detto rinnovare, parola italiana dal significato più incoraggiante, ma adesso vanno di moda i termini inglesi.

E poi ci sono le torte. Con i primi freddi a me viene voglia di fare le torte o di sperimentarne di nuove.

Ho vissuto alcuni anni in un paese della Brianza, Bernareggio, e lì la festa del paese è a settembre e per l’occasione si prepara una torta particolare, che poi è la tipica torta paesana brianzola, il michelacc, fatta di pane raffermo bagnato nel latte, nella versione del paese si aggiungono cacao e amaretti e credo proprio che sarà la prima torta che metterò in forno in questo mese di settembre.

Se v’interessa la ricetta datemi un segno e venerdì potrei condividerla con voi!

astroknitter

ElenaTraStelleeGomitoli presenta l’Oroscopo della Knitter: Settembre

elenatrastelleegomitoli_settembre_2017

ARIETE: Lavori in corso: care knitter dell’Ariete posso affermare con relativa sicurezza che questo mese inizierete almeno tre lavori nuovi e ne chiuderete forse uno. Con mercurio a favore sarete sempre più abili nel realizzare i punti più complicati, non fatevi prendere dal entusiasmo e chiudete quello scialle!

Quanti gomitoli hai? Questo è il mese delle fiere dedicate ai lavori manuali che di sicuro non ti perderai, ma questa volta spenderai con giudizio, certo sarà difficile resistere alle tentazioni, ma se vuoi risparmiare per spendere e spandere nel futuro dovrai trattenerti. Niente ti vieta di prendere i biglietti da visita dei venditori più interessanti e poi vedremo…

Corsi e workshop: E qui ti volevo! Questo mese avrai voglia di fare e imparare cose nuove e affinare le vecchie e cercherai di riempire il tuo calendario con gli incontri più interessanti: buon lavoro!

TORO: Lavori in corso: Settembre ti favorisce senza se e senza ma e vedrai che riuscirai a chiudere quasi tutti i lavori che hai inziato nei mesi scorsi. Temo però che ne avvierai altrettanti… ma saranno tutti bellissimi!

Quanti gomitoli hai? Sei in una fase di risparmio e cercherai di resistere alle tentazioni, anche se sarà molto difficile, concediti un piccolo strappo alla regola ti aiuterà a mantenerti in riga, una piccola coccola alle volte è necessaria.

Corsi e workshop: Sceglierai con giudizio i corsi e i workshop a cui partecipare senza buttarti sul primo che capita, vedrai che superate le prime difficoltà nell’imparare nuove tecniche o punti, procederai spedita come un treno!

GEMELLI:  Lavori in corso: Inutile girarci intorno: questo non sarà un mese facile da gestire, ma passerà, come tutto. Non so quanto tempo riuscirai a dedicare ai tuoi lavori in corso, ma cerca di iniziare almeno un lavoro nuovo per distrarre lo spirito.

Quanti gomitoli hai? Non avrai molto tempo da dedicare all’ampliamento delle tue scorte, ma non riuscirai a rinunciare a un acquisto d’impulso su internet, in un negozio o a una fiera. Non farti venire i sensi di colpa.

Corsi e workshop: Lascio a te la decisione.

CANCRO: Lavori in corso: Le idee non ti mancano questo mese, ti scapperanno dalle dita! Cerca ti tenerle in ordine e dagli una priorità per evitare di arrivare a dimenticarti lavori iniziati in ogni borsa!

Quanti gomitoli hai? Sarai molto brava questo mese a non prendere delle fregature, su internet ad esempio, anche perché le tue finanze non ti permetteranno di scialare. Fidati del tuo intuito e della prima impressione e vedrai che se deciderai di aumentare al tua scorta di gomitoli non sbaglierai la scelta.

Corsi e workshop: Ecco il punto debole del mese! E che ti tiene? La voglia di conoscere, inparare tecniche nuove, affinare le vecchie, sperimentarti in nuovi progetti sarà molto difficile da tenere sotto controllo, buona fortuna!

LEONE: Lavori in corso: Lavoro, lavoro, lavoro! Ecco la parola d’ordine del mese e quindi sotto! Secondo me chiuderai praticamente tutti i lavori iniziati e questo mi sembra un buon modo per cominciare una nuova stagione di sferruzzo perché… potrai inizarne il doppio di nuoviiiiii!

Quanti gomitoli hai? Ecco non voglio dire che avrai il braccino corto, ma di certo conterai fino a dieci prima di buttarti sull’acquisto compulsivo. Cosa farai dopo aver contato fino a dieci non posso prevederlo nemmeno io!

Corsi e workshop: Senza esagerare seguirai solo quelli che riterrai più adatti a mettere in risalto le tue capacità e che ti insegnino a realizzare modelli semplicemente meravigliosi.

VERGINE: Lavori in corso: Che dire questo è il tuo mese fortunato esprimi un desiderio e quasi di sicuro riuscirai a realizzarlo, lo dico tranquilla perché so che non sei un tipo avventato. Chiuderai i lavori iniziati, questo è praticamente certo, e saranno niente male!

Quanti gomitoli hai? Potrai fare quello che vorrai: partecipare a fiere e mercatini, gironzolare per negozi o su internet, qualsiasi cosa deciderai di comprare sarà la cosa giusta al momento giusto. Ti sentirai generosa, prevedo un regalo all’amica.

Corsi e workshop: Vai e divertiti!

BILANCIA: Lavori in corso: Mese di attese, pensieri, riflessioni e poca voglia di agire nella ricerca costante del giusto mezzo e dell’equilibrio. Ti darai un programma e lo seguirai in modo da diminuire il numero di progetti iniziati e da tenere sotto controllo la voglia di nuovo!

Quanti gomitoli hai? Il giusto naturalmente, se così non fosse questo mese cercherai di porvi rimedio regalando qualche gomitolo o acquistando le tonalità più intonate la tuo stile.

Corsi e workshop: Forse.

SCORPIONE: Lavori in corso: Mese d’incontri, di nuove collaborazioni, di impostazioni di nuove strategie, un mese interessante insomma il tuo. Sarai molto disponibile con le amiche e le associazioni: ti offrirai per realizzare venti cappellini, o per accompagnare un’amica al suo primo knit cafè, certo i tuoi lavori già iniziati resteranno un po’ indietro…

Quanti gomitoli hai? Questo mese andrai volentieri in giro per fiere, negozi e mercatini e allargherai oltre alle tue conoscenze di sicuro anche la tua scorta di gomitoli, chissà dove li stiverai arrivata a casa!

Corsi e workshop: Ti divertirai parecchio a partecipare agli incontri più svariati e non escludo che tu riesca a stringere delle nuove amicizie che si riveleranno preziose nel futuro.

SAGITTARIO: Lavori in corso: Meglio non fare programmi questo mese perché la possibilità di non riuscire a rispettarli è molto, molto alta. Piccole noie e seccature rischieranno di rovinarti l’umore, curati dedicandoti ai tuoi amati progetti, magari a quelli più colorati o più complicati per farti assorbire completamente.

Quanti gomitoli hai? Cerca di non farti travolgere dalle necessità e ritalgiati del tempo per un acquisto al volo su internet o una scappata a una fiera o mercatino con l’amica, o anche da sola, niente come un gomitolo nuovo può sollevare lo spirito!

Corsi e workshop: La tua sete di conoscenza non potrà essere sempre soddisfatta, ma potrai programmare corsi futuri.

CAPRICORNO: Lavori in corso: Mese interessante settembre per voi, di sicuro favorevole, pieno di progetti che non potrete ignorare: sarete obbligate a metterli sui ferri! I lavori che riuscirete a terminare poi vi daranno delle gradite soddisfazioni.

Quanti gomitoli hai? Questo per voi è un mese fortunato quindi riuscirete ad acchiappare il gomitolo giusto al momento giusto e poi non importa dove lo stiverete, un angolino dove metterlo lo troverete, si sa che siete tipi organizzati.

Corsi e workshop: Non starete fermi un minuto questo è certo, non vorrete perdervi nemmeno un appuntamento del vostro knit cafè preferito, e preferirete i corsi o i workshop in luoghi nuovi o con insegnanti non ancora sperimentati, di sicuro vi divertirete parecchio!

ACQUARIO: Lavori in corso: Mese intenso il vostro pieno di novità, non fate una programmazione troppo rigida perché dovrete essere in grado di adattarvi ai cambi di rotta improvvisi, ma non spiacevoli. Se volete chiudere qualche progetto iniziato dovrete concentrarvi.

Quanti gomitoli hai? Questo mese potreste ritrovarvi con le mani bucate come si dice, agirete sempre d’impulso sia per regalare dei gomitoli a un’amica sia per acquistare quel filato semplicemente meraviglioso. Attenzione alle conseguenze.

Corsi e workshop: Vi ritroverete a decidere all’ultimo minuto, trascinate dalle amiche o perché vi si libererà uno spazio senza preavviso nella vostra agenda, in ogni caso vi divertirete parecchio.

PESCI: Lavori in corso: Mese complicato settembre, diciamo che tra una soluzione semplice e una complessa riuscirete sempre a scegliere quella complessa, il problema lo risolverete, ma a caro prezzo. Allora coccolatevi con i vostri progetti: sferruzzate, dimenticate e rilassatevi.

Quanti gomitoli hai? Fate attenzione a non buttarvi nell’acquisto compulsivo per distrarvi dai problemi, potreste combinare disastri. Contate fino a dieci prima di fare click sulla tastiera o prima di acchiappare quel kit, e poi decidete con giudizio.

Corsi e workshop: Se decidete di frequentare degli incontri parlate il meno possibile, ridurrete al minimo il rischio d’incomprensioni.