libri

Vargas

Vargas_lagrecchi

Questo mese mi sono dedicata a uno dei miei autori preferiti con Il morso della Reclusa, Einaudi Editore, anzi a una delle mie autrici perché sotto lo pseudonimo di Fred Vargas si nasconde una donna.

Mi piacciono molto le storie che racconta e anche i personaggi che descrive, il genere per chi non la conoscesse è crime, giallo per intenderci.

Ha creato due filoni uno con protagonisti gli Evangelisti: uno studioso di preistoria, un medievalista e un esperto della Grande Guerra che vivono tutti insieme in una casa, ognuno al piano che gli compete per ambito di studi, con l’aggiunta in soffitta di un poliziotto in pensione  che completa il quadro.

E poi ci sono le storie del commissario Jean-Baptiste Adamsberg, con i suoi pensieri vaganti e l’incapacità di stare seduto per più di qualche minuto. Adamsberg è a capo di una squadra molto particolare dove ognuno è libero di seguire le sue inclinazioni.

Le storie sono costruite senza sbavature e sono meccanismi perfetti dove ogni tassello andrà invariabilmente al suo posto. I personaggi sono un po’ particolari, fuori dagli schemi, ma proprio per questo irresistibili e seguendo i loro pensieri e le loro fissazioni si arriva alla fine della storia quasi senza accorgersene.

Le storie di Fred Vargas hanno quel pizzico di surreale che le rendono molto vicine alla realtà, ma nello stesso tempo ti fanno vagare fra le nuvole, come il protagonista.

A me il surreale non piace, non mi prende, ma questi personaggi hanno il potere di catturarmi.  Se volete provare questa esperienza non vi resta che cercare Fred Vargas in libreria o sul computer e partire. Potete iniziare da uno qualunque dei suoi libri perché in ogni storia presenta brevemente i suoi personaggi così che nessuno possa perdere la strada, le nuvole sono infide.

Nel Morso della Reclusa si gioca sul significato della parola Reclusa e Adamsberg chiederà l’aiuto di uno degli Evangelisti.

Avvertenza: se avete una fobia legata ai ragni è meglio passare ad altro.

 

 

crafter · knit · pattern

Marzolino

Marzolino_1_lagrecchiknit

Signori e signore ecco a voi Marzolino, il mio primo scialle scaricabile free da Ravelry!

Come vedete è uno scialle triangolare e asimmetrico, con aumenti solo da un lato e solo sul dritto del lavoro. Vi è un alternanza di punti traforati molto semplici e di legaccio su maglia rasata quindi chi si vuole cimentare faccia attenzione alle istruzioni: non sempre è tutto rovescio quel che sembra.

La parte finale è lavorata con il punto Zoccolo di Cavallo, delle isole Shetland, che si può ripetere quante volte si vuole a seconda della dimensione che si vuole dare allo scialle.

Il filato è Beet di U/KNIT lab, Merino extrafine, 50 gr, 190 metri, che io ho lavorato con i ferri del 5, quindi ho usato un filato sottile con ferri grandi.

Il risultato mi piace molto: uno scialle leggero, ma caldo che si può mettere in borsa e tirare fuori quando serve, il filato si lavora molto bene e i punti risultano ben definiti, insomma una bella esperienza.

U/KNIT lab è un marchio che vende solo on line, il sito è in inglese, ma loro sono italiani, i costi sono ragionevoli e le spedizioni veloci, oltre ai filati hanno anche dei ferri della Addi in legno di olivo che prima o poi mi regalerò, li sto tenendo d’occhio da un po’.

Naturalmente Marzolino si può lavorare con il filato che avete in casa, vi serviranno circa 400 mt.

Ho altre idee in dirittura d’arrivo quindi questo è solo l’inizio, intanto buon divertimento con Marzolino!

 

 

Esperienze · knit

Rallentare

Boho_shawl_lagrecchi

Ci sono dei lavori che richiedono concentrazione e che a me servono per rilassarmi, per svuotare la mente o per rallentarla.

Fare le torte è un modo perfetto per trovare un equilibrio, ma lo è anche lavorare a maglia, soprattutto quando si tratta di motivi complicati. Allora mi piazzo sul divano, accendo la televisione, cerco un telefilm che magari ho già visto e parto.

Non accendo la radio perché a me piace ascoltare le parole non la musica e quindi comincerei a seguire il filo del discorso e finirei per distrarmi. Meglio la televisione meno impegnativa.

È così che nascono i miei motivi traforati, nella tranquillità e nel brusio sommesso di una storia possibilmente crime.

 

 

 

Esperienze · libri

Disegnare???

Disegnare_lagrecchi

Io non ho mai avuto una passione per il disegno. Mi sono sempre accontentata di avere la sufficienza a scuola, ero del tutto conscia dei miei limiti quindi non me ne sono mai fatta un problema. Mi interessava scrivere non disegnare.

E poi con che mano? Perché io sono una mancina corretta, quindi gestire la matita con la mano destra non è un lavoro da poco, mi piace di più colorare perché quando si stanca una mano posso usare l’altra.

In ogni caso finita la scuola non ho più pensato al disegno.

E poi un mio amico sbaglia il regalo. Mi consegna un pacchetto che contiene il libro: Disegnare con la parte destra del cervello, Longanesi Editore. Mentre sto fissando il titolo un po’ stranita lui lancia un urlo: Ma non è quello giusto!

In pratica ha scambiato i pacchetti e il libro a me destinato è finito a un’altra persona che in buona fede ha pensato che fosse un regalo per lei e se l’è tenuto senza dire nulla.

Ho pensato che l’universo volesse dirmi qualcosa, forse che devo mettermi a disegnare e così sto seguendo diligentemente gli esercizi per attivare la parte destra del cervello, non si tratta solo d’imparare a disegnare, ma d’imparare a osservare. Il libro è molto interessante perché parla del disegno dal punto di vista del cervello e gli esercizi che servono ad attivare la parte destra non sono così banali come si potrebbe pensare, anzi funzionano!

Vi mostrerò i miei progressi solo se saranno degni di essere visti, per ora lo scarabocchio regna sovrano!

Esperienze · knit

Confrontarsi

Imparare_lagrecchi

Ho sempre avuti interessi diversi, di solito quando un argomento mi appassiona lo approfondisco.

Ho cominciato a leggere la rivista Astra mentre ero alle scuole medie, ho trovato degli inserti che spiegavano come fare i calcoli per la posizione dell’ascendente e della luna, ho provato, ci sono riuscita e da lì ho cominciato a cercare i grafici per redigere il tema natale e poi i libri per capire cosa stavo facendo. Tutto da sola, da autodidatta.

Con il passare del tempo però ho sentito il bisogno di un confronto e ho cominciato a seguire corsi e seminari, un po’ per mettere alla prova quello che avevo imparato da sola e un po’ per confrontarmi con gli altri.

Anche con la maglia è successa la stessa cosa. Ho imparato da autodidatta mettendo in pratica i consigli del libro: Lavorare a maglia per negati, poi ho sentito il bisogno di mettermi alla prova e ho cominciato a seguire i workshop di Emma Fassio, da cui ho imparato molto, e poi i knit cafè… insomma non ho più smesso di confrontarmi con gli altri.

Non chiudetevi in una stanza con il vostro lavoro tra le mani, uscite se appena potete, non si sa mai chi si può incontrare e quante cose si possono imparare!

cucina · vita quotidiana

Crostata con marmellata di arance e amaretti

crostata_arance_amaretti_lagrecchi

Questa volta vi propongo una torta che di solito non faccio per Max, ma per mia mamma a cui piace molto.

È semplice, veloce e di sicuro effetto e anche buona ovviamente!

La pasta frolla potete comprarla al super oppure potete farla voi, io come sapete uso il Bimby e faccio così:

Metto nel boccale 80 gr di zucchero, 300 di farina tipo 00, 1 uovo e 1 tuorlo, 130 gr di burro morbido a pezzetti e un cucchiaino di lievito. Poi faccio andare per 20 secondi a velocità 5. Estraggo l’impasto che non si presenterà bello compatto, ma un po’ sbriciolato, lo compatto con le mani e lo metto a riposare in frigo avvolto nella pellicola per un quarto d’ora o più a seconda di come sono organizzata.

Poi prendo l’impasto lo divido in due parti, una un po’ più piccola dell’altra, stendo  la parte più grande con il mattarello e la metto nella teglia. Il trucco in questo caso è usare due fogli di carta forno: uno dove stendere la pasta che poi basterà sollevare e mettere nella teglia, e uno da mettere sul mattarello per evitare che l’impasto si appiccichi.

Svuoto in una ciotola due confezioni di marmellata di arance, meglio se una è di arance amare, le mescolo insieme e le verso nell’impasto.

Poi dispongo gli amaretti nella marmellata di arance a testa in giù fino a coprire tutto lo spazio, stendo la pasta rimanente e la distendo sopra gli amaretti a ricoprire il tutto.

In forno a 180 gradi per 40 minuti o finché la torta non diviene dorata e il gioco è fatto!

knit

Memoria

IMG_20180307_105132-01

Ho fatto le medie in una scuola sperimentale di Milano che adesso non esiste più, annessa al Conservatorio. Lo strumento era obbligatorio e io ho studiato pianoforte per tre anni. Ovviamente ho imparato a leggere la musica, la chiave di violino e la chiave di basso. Passavo ore a esercitarmi, prima gli esercizi di pura tecnica e poi il resto, un po’ come nella danza, prima la tecnica e poi le sequenze.

Qual’era il problema? Che quando dovevo studiare un minuetto di Bach e lo dovevo ripetere mille volte invariabilmente alla terza volta smettevo di leggere la musica perché ormai lo sapevo a memoria. E questo non andava bene perché non dovevo andare a memoria, ma esercitarmi a leggere le note. Una faticaccia perché mi veniva spontaneo memorizzare e era difficile far finta di nulla, mi annoiavo, mi sembrava di perdere tempo.

Con le istruzioni dei modelli a maglia è un po’ la stessa cosa, soprattutto quando lavoro motivi traforati: alla terza ripetizione vado sicura a memoria, peccato che poi mi accorga che l’autore del pattern aveva modificato la sequenza proprio nelle ultime maglie o in quelle centrali, e così mi tocca disfare e ripetere la sequenza corretta.

La memoria è una bella cosa, ma ho imparato con l’esperienza che non sempre mi posso fidare, quindi mi armo di una buona dose di pazienza e leggo le istruzioni in questo modo risparmio tempo perché non devo disfare e rifare e il risultato è degno di soddisfazione!

libri · serie

Altered Carbon

alteredcarbon-204x300

Oggi parliamo di serie televisive: genere: fantascienza, canale: Netflix, serie: Altered Carbon.

Dieci episodi tratti dal romanzo omonimo di Richard K. Morgan ci buttano in un universo in cui non si muore, se si hanno abbastanza soldi. La coscienza viene salvata in dischi posti nella nuca. Dopo il primo anno di vita a tutti vengono impiantate queste pile e se ne hai la possibilità in caso di incidenti o malattia puoi cambiare corpo, puoi cambiare “custodia”.

Oltre a questa idea che da sola sarebbe bastata a non farmi cambiare canale, si viene ipnotizzati dalle immagini e dalla voce fuori campo del protagonista che commenta la storia. Sembra di vedere Blade Runner, l’originale, ma non solo. A me ha ricordato molto Strange Days di Kathryn Bigelow  . I costumi invece si rifanno a Matrix. La trama è un crime classico, il personaggio così disincantato e cinico deve qualcosa a Marlowe, il movente un sempreverde dell’animo umano, ma alla storia principale fanno da controcanto i personaggi secondari e le loro vicende, accennate e non approfondite perché non è necessario.

E i problemi sociali e morali che derivano dal fatto di poter vivere per l’eternità.

Un altro pregio di questa serie è la coerenza logica: la trama tiene, non ci sono misteriosi salti logici, ma tutti i fili si annodano e poi vengono dipanati come nelle serie di una volta, come nelle serie che piacciono a me.

Cercando recensioni in giro per la rete ne ho trovate due che sono agli opposti e che trovo indicative di come questa serie possa avere colpito lo spettatore a seconda del’età e dell’abitudine a digerire storie. Una la trovate su Wired, e l’altra su Movieplayer.

Per quanto riguarda il romanzo da cui è tratta la serie la buona notizia è che è stato ristampato da Tea e che io posso correre a leggerlo!

astroknitter · knit

Oroscopo dei Knitters: Marzo

elenatrastelleegomitoli_settembre_2017

Ariete: Lavori in corso: Questo potrebbe essere il mese giusto per dedicarvi a quello che vi piace davvero, osate, lasciatevi andare, buttatevi su quello scialle pieno di perline e trafori che avete sempre pensato fuori dalla vostra portata, o mettete sui ferri la vostra prima maglia top down, vedrete che vi sembrerà tutto molto più semplice del previsto e i risultati vi stupiranno (in senso buono).

Quanti gomitoli hai? Vi potrebbe capitare qualche buona occasione per variare le vostre scorte con qualche matassa fuori dai vostri soliti gusti sia come colori che come materiali, non dite di no.

Corsi e workshop: Non ne sentirete molto il bisogno, avrete voglia di sperimentarvi da sole, ma certo non direte di no a uno sferruzzo in compagnia ogni tanto, meglio se a un knit cafè.

Toro: Lavori in corso: Seguite i consigli delle amiche questo mese e vedrete che non ve ne pentirete. Se avete un dubbio o bisogno di conferme chiedete e vi sarà dato un buon consiglio, poi starà a voi decidere di seguirlo.

Quanti gomitoli hai? Il vostro obiettivo questo mese sarà fare spazio al nuovo e non avrete molta voglia di farvi coinvolgere in giri di shopping lanosi, sapete bene che l’unica tecnica per disintossicarvi è stare lontano dalle tentazioni!

Corsi e workshop: Avrete voglia di calma, silenzio e concentrazione e preferirete più spesso restare a casa che andare a lezioni o incontri vari.

Gemelli: Lavori in corso: Mese con qualche rallentamento dovuto più al vostro umore altalenante che a fatti concreti, cercate di reagire evitando di restare da soli, fatevi coinvolgere dagli amici nelle loro iniziative anche se non vi sembrano molto interessanti, alla fine ne sarete contenti.

Quanti gomitoli hai? Vi sentirete un po’ agitati quando penserete ai vostri gomitoli, per ritrovare la serenità vi consiglio di provare a mettere ordine e verificare l’entità delle vostre scorte, dopo potrete correre ai ripari oppure decidere di farvi un regalo.

Corsi e workshop: Sarà il tempo, sarà l’umore, ma parteciperete agli eventi solo se sarete spinti.

Cancro: Lavori in corso: Questo mese andrete dritti per la vostra strada, anche se non sarà quasi mai in discesa, senza badare ai commenti e alle critiche degli altri. Quindi porterete a termine il vostro scialle o la vostra maglia o sciarpa anche se il colore piace solo a voi o se l’effetto finale non è proprio come l’originale e vi piacerà moltissimo!

Quanti gomitoli hai? Non è tempo di grossi investimenti, ma certo potrete permettervi un piccolo regalo per voi stessi senza pensare solo e sempre ai bisogni degli altri.

Corsi e workshop: Parteciperete volentieri a corsi e incontri vari per approfondire le vostre conoscenze e incontrare persone nuove, prendervi i vostri spazi vi ridarà la carica.

Leone: Lavori in corso: Questo mese seguite il vostro intuito e vedrete che non sbaglierete, non programmate troppo tenete dei ferri liberi per seguire l’ispirazione del momento, potrà essere una matassa, un pattern particolarmente interessante che vi farà cambiare i vostri piani, non trattenetevi, il divertimento è assicurato.

Quanti gomitoli hai? Non potreste allargare la vostra scorta di gomitoli perché non sarebbe il momento, ma… le buone occasioni possono non ripresentarsi quindi perché no?

Corsi e workshop: Vi divertirete a sferruzzare in compagnia e non direte di no alle amiche se vi trascineranno a corsi e knit cafè in giro per la città o fuori città, le buone idee possono arrivare nei luoghi più impensati.

Vergine: Lavori in corso: Questo mese sarete un po’ difficili, non riuscirete a tenere per voi i vostri pensieri e farete notare alla amica quel punto caduto o quel colore che le sta davvero malissimo. Vi avviso non saranno tutti molto contenti delle vostre osservazioni, anche se saranno giuste, cercate di controllare almeno il tono di voce o di metterla sul ridere.

Quanti gomitoli hai? Nonostante tutto le amiche vi vogliono bene e potrete aspettarvi qualche regalo imprevisto che andrà ad allargare la vostra scorta di gomitoli, oppure vi capiterà di poter fare degli scambi interessanti.

Corsi e workshop: Se volete stare in compagnia questo mese dovrete sforzarvi di essere gentili, sorridenti e meno acidi del solito, se ci riuscirete potrete divertirvi.

Bilancia: Lavori in corso: Sarà un mese impegnativo il vostro, pieno di cose da fare, di responsabilità da affrontare, ma anche di momenti di relax che vi consiglio di trascorrere con ferri o uncinetto in mano che vi aiuteranno a ritrovare calma e equilibrio.

Quanti gomitoli hai? Proprio perché sarà un mese faticoso avrete voglia e bisogno di gratificazioni e cosa c’è di meglio di un po’ di shopping lanoso? Niente naturalmente, basta evitare di farsi venire dopo i sensi di colpa.

Corsi e workshop: Vi mancherà il tempo, non la voglia, di frequentare corsi e incontri con le amiche.

Scorpione: Lavori in corso: Bel mese il vostro, pieno di idee e di cose belle che vi verrà voglia di realizzare, non riuscirete a tenere ferme le mani! Cercate di essere un po’ selettive perché non avrete il tempo materiale per fare la copertina al neonato, il cardigan alla figlia e lo scialle alla amica!

Quanti gomitoli hai? I gomitoli non saranno un problema: ne avrete più che abbastanza per realizzare tutti i vostri progetti, ricordatevelo prima di aprire il portafogli!

Corsi e workshop: Non riuscirete a dire di no a un nuovo corso o seminario o incontro tra amiche, vi divertirete troppo!

Sagittario: Lavori in corso: Questo mese il vostro umore potrebbe avere degli alti e bassi, cercate di stabilizzarlo seguendo un po’ di più il vostro intuito: lasciatevi andare e osate qualche progetto un po’ diverso dai soliti, fatevi consigliare dalle amiche e buttatevi, così vi distrarrete dalle preoccupazioni quotidiane.

Quanti gomitoli hai? Questo non è il mese giusto per nuovi acquisti, nell’attesa riordinate le vostre scorte.

Corsi e workshop: Un’uscita ogni tanto non può certo farvi male, se poi è l’occasione per imparare qualcosa di nuovo ben venga!

Capricorno: Lavori in corso: Questo mese rischiate di parlare molto e realizzare poco, scegliete con cura i progetti su cui buttarvi perché prevedo crisi di indecisione e un ciclo interminabile dove disfarete e ricomincerete nemmeno foste Penelope!

Quanti gomitoli hai? Da questo punto di vista non avrete problemi e potrete regolarvi come meglio crederete, io fossi un voi un regalino me lo farei…

Corsi e workshop: Non iscrivetevi a troppe cose perché rischierete solo di aumentare la vostra confusione, siate selettivi.

Acquario: Lavori in corso: Questo mese le idee non vi mancheranno, dovrete solo mettere l’energia necessaria per realizzarle perché le vostre pile saranno un po’ scariche. Mettete sui ferri progetti rapidi da realizzare così non vi stancherete, vedrete i risultati e potrete sorridere.

Quanti gomitoli hai? Non è il mese giusto per allargare le vostre scorte, usate quello che avete e piuttosto puntate su qualche scambio interessante.

Corsi e workshop: Fatevi trascinare dalle amiche fuori casa, sarà il modo giusto per ricaricare le vostre batterie un po’ scariche.

Pesci: Lavori in corso: Questo è il vostro mese, quindi sfruttatelo al massimo: seguite l’intuito come solo voi sapete fare e vedrete che le vostre mani produrranno cose davvero molto belle. Il vostro umore sarà leggero e vi sentirete generosi.

Quanti gomitoli hai? I gomitoli arriveranno dalle fonti più strane: dalle amiche che vi proporranno degli scambi, dai mercatini, da negozi assolutamente insospettabili, approfittatene!

Corsi e workshop: Un corso a cui non avevate voglia di partecipare si rivelerà molto interessante!