Gli eventi della Grecchi · Uncategorized

NaNoWriMo 2018

41089606_1991851110871166_5596751709956210688_n

E’ ai blocchi di partenza l’edizione 2018 del NaNoWriMo, per esteso: National Novel Writing Month, siete pronti?

Per capire di cosa si tratta ho pensato di fare due chiacchiere con LordMax al secolo Massimiliano Enrico, uno dei tre ML (Municipal Liaison) ovvero uno dei tre responsabili per l’edizione italiana.

“Un gruppo di appassionati della scrittura nel 2005 ha fondato un’associazione no profit per aiutare gli aspiranti scrittori a fare la cosa più difficile: scrivere ogni giorno. Sembra banale, ma è il primo trucco per diventare scrittori o per riuscire a portare a termine il famoso primo romanzo.

Così hanno lanciato la sfida: scrivere in un mese una novella di cinquantamila parole. Perché proprio cinquantamila parole? Perché é la lunghezza del romanzo: Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald che è stato scritto proprio in trenta giorni.

Ogni anno a novembre chiunque può sfidare sè stesso e cimentarsi nell’impresa. L’obiettivo è scrivere 1667 parole al giorno, o di più se si riesce. Tutto quello che bisogna fare è iscriversi al sito del NaNo e caricare ogni giorno le parole scritte.

A questa iniziativa partecipano da tutto il mondo, in Italia esiste un gruppo Facebook che dà sostegno agli aspiranti scrittori. Nel mese di ottobre, detto Preptober ogni giorno è stato messo a disposizione sul gruppo e sull’account Instagram un esercizio di preparazione in modo da arrivare al primo novembre con le idee chiare.

Poi durante tutto il mese di novembre si potrà partecipare ai gruppi di sostegno per le crisi di disperazione o per le idee geniali su Discord, Telegram, Facebook e il forum in italiano sul sito del NaNoWriMo, oltre agli account Twitter e Instagram.

Verrà attivato un programma di mentoring, detto NaNo Mentor in cui ci si può iscrivere per dare e ricevere sostegno da altri partecipanti. Per i più disperati verrano messi a disposizione esercizi per stimolare la creatività e per chi ha bisogno di confronti diretti ci saranno i write-in fisici e virtuali. Per i più combattivi saranno organizzate delle Word’s War nella chat di Discord, saranno sfide a tempo a chi scrive più parole.”

Tutto chiaro? Bene allora… al lavoro!

 

 

 

Gli eventi della Grecchi · Uncategorized

Manualmente di Settembre

Manualmente_9_2018_LaGrecchi

Come tutti gli anni a settembre torna a Torino l’edizione autunnale di Manualmente, potevo mancare?

La manifestazione si svolge al Lingotto e proseguirà fino a domenica, io ho fatto un salto questa mattina e ho potuto aggirarmi tranquillamente tra gli stand senza nemmeno dover fare la coda alle casse.

Come sempre sono presenti stand di cucito creativo, filati, accessori per creare. Quest’anno sabato e domenica potrete scoprire un nuovo spazio dedicato al benessere e alla cura di sé dove trovare alimentazione biologica, prodotti di erboristeria, abbigliamento in fibre vegetali e accessori per la casa ecologici e ecocompatibili.

L’ospite internazionale è Danny Amazonas

Si tratta di un quilter taiwanese di fama internazionale in Italia per la prima volta con le sue opere e i suoi workshop, le sue opere sono davvero notevoli.

Io mi sono controllata e mi sono limitata ad acquistare gomitoli di juta e bottoni colorati fatti con il tagua, un materiale vegetale conosciuto anche come avorio vegetale originario dell’Ecuador. Cosa me ne farò? A presto su questi schermi!

Gli eventi della Grecchi · Uncategorized

Filo Lungo Filo un Nodo si farà 2018

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche quest’anno si è concluso Filo Lungo Filo, la rassegna dell’artigianato tessile che si ripete ogni anno a Collegno in un luogo molto particolare: il Villaggio Leumann

Aggirarsi tra gli stand della rassegna è sempre un piacere e per me è diventato un appuntamento fisso di settembre. A differenza di altre fiere come Manualmente o Abilmente qui si può conoscere direttamente il produttore delle lane, intendo proprio l’allevatore delle pecore, gli artigiani che le tingono, le infletriscono, le tessono creando capi unici o che le dipingono con la tecnica dell’ecoprint.

Quest’anno mi hanno colpito i lavori di Alessia Bianco Dolino che dipinge la seta sull’acqua creando dei disegni unici grazie all’interazione dei fattori climatici e della mano dell’artista. Se volete vedere i suoi lavori dovete andare su Instagram, cercare #filolungofilo e nelle stories salvate troverete anche lei!

Bellissimi poi i bottoni in ceramica di Gloria Tovo in tutte le gradazioni di colore e i capi tessuti a mano di Natascia di Mora, mafilogia che trovate anche su Instagram.

Come sempre erano presenti le donne del knit cafè Donne ai ferri Corti che ogni anno presentano una loro installazione, quella di quest’anno era dedicata a Frida Kahlo

Una bella esperienza che vi consiglio per l’anno prossimo, di solito si svolge l’ultimo o penultimo week end di settembre se potete non mancate per il 2019!

 

i libri della Grecchi · Uncategorized

Il Cuore in Ballo

CuoreinBallo_Lagrecchilegge

Che tipo è una ragazza di vent’anni al giorno d’oggi? Di quelle che vivono da sole, laureate con centodieci e lode e dignità di stampa, fanno la ballerina e per mantenersi anche ogni altro genere di lavoro? Se avete voglia di scoprirlo dovete leggere Il cuore in ballo di Consolata Lanza, Buckfast Edizioni.

Con una prosa allegra e molto ironica Consolata ci porta nel mondo di Angelica e sembra di cadere indietro nel tempo, quando si era più magri, più disponibili e la cosa più importante in assoluto era “la compenetrazione di due anime” o una scopata fantastica come sintetizza un personaggio del libro!

In questo romanzo allegro e leggero seguiamo le vicende di Angelica, per lo più amorose, e l’eterno dilemma tra scelte di vita stabili e concrete e il colpo di testa.

Mi chiedo se la scelta del nome sia una citazione di Angelica, personaggio creato da Anne e Serge Golon protagonista di una serie di libri ambientati in Francia al tempo del re Sole e resa celebre dai film tratti dai romanzi. Anche questa Angelica aveva una vita sentimentale piuttosto intensa…

Consolata ha uno stile ritmato, molto ironico e ci consente di distrarci dal nostro presente almeno per qualche minuto se non per qualche ora, se volete conoscerla meglio vi consiglio di seguire il suo blog, Anaconda Anoressica, con un nome così non vi viene voglia di andare a vederlo?

 

Uncategorized

Tempo di fiere

Manualmente_aprile_2018_lagrecchi

La mezza stagione è sempre tempo di fiere. Aprile e Maggio sono i mesi di Manualmente e del Salone del Libro, almeno qui a Torino, e un giro è d’obbligo.

Manualmente di aprile si è svolta lo scorso week end al Lingotto, io ci sono andata il primo giorno, venerdì e ho fatto una bella coda alle casse. Una volta dentro mi sono mossa tra i corridoi pressata da ogni parte da gente attirata come mosche da perline, gomitoloni coloratissimi e bottoni di ogni forma e colore.

In questa fiera infatti si può trovare tutto quello che serve per lavorare a maglia, all’uncinetto, per fare découpage e ogni altro tipo di attività creativa che utilizzi le mani.

Ci sono dimostrazioni, corsi, di tutto un po’ e ci sono anche artisti che espongono le loro opere tessili, il crochet free form, idee originali come un vaso per i fiori che è un sacchetto di plastica o iniziative benefiche come quella delle Creative per la Ricerca che hanno realizzato Molly, una bambola che serve per sostenere la ricerca sul tumore al seno.

Insomma è sempre un’esperienza interessante aggirarsi per questa fiera, il prossimo appuntamento è dal 27 al 30 settembre segnatevelo sul calendario!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Esperienze · knit · Uncategorized

Non arrendersi

esami_lagrecchi

Si dice che nella vita non si smetta mai di affrontare prove, esami. Ci sono quelli scolastici, quelli universitari, quelli lavorativi, quelli sentimentali e via dicendo.

Ho sempre pensato che sia un modo un po’ ansiogeno di vivere le esperienze quotidiane, la parola esame implica non solo il superamento o meno di una prova, ma anche un giudizio di merito: bene se lo passi, male se non lo passi.

Io di esami ne ho sostenuti parecchi con alterne vicende, come è normale, per la cronaca alla fine la laurea vecchio ordinamento l’ho conseguita, e quando vado a mettere in forma il mio capo sferruzzato con tanta dedizione affronto un esame vero e proprio.

Di solito lo metto in forma in acqua poi attendo il responso finale: come sarà una volta asciutto? Troppo grande? Troppo piccolo? Anche se prima di cimentarmi ho fatto un campione, l’ho lavato, preso le misure e messo su le maglie so per esperienza che della mia mano non posso fidarmi fino in fondo quindi tutte le volte che aspetto l’asciugatura di un capo sono un po’ in ansia.

Per fortuna con il tempo e l’esperienza non mi capitano più brutte sorprese, ma ci sono state delle volte memorabili in cui il capo è sembrato triplicare la taglia!

L’unico modo efficace per superare gli esami è applicarsi ed essere pronti a correggere il tiro se il risultato non è quello sperato. Disperarsi, buttarsi giù di morale, convincersi di non essere capaci o arrendersi non sono il modo giusto di affrontare né gli esami scolastici né le prove di ogni giorno.

 

 

Eventi · knit · Uncategorized

Trecce!

Lavorare a maglia è rilassante, ma diciamocelo quando bisogna dedicarsi sempre allo stesso punto sembra che davanti a noi ci sia un mare uniforme senza nemmeno un’increspatura a movimentare la nostra attenzione. In poche parole ci si annoia, io almeno mi annoio.

E ogni tanto decido di chiudere il lavoro un po’ prima di quanto sarebbe auspicabile.

Mi diverto molto di più se devo dedicarmi a dei punti particolari che spezzano la monotonia, ad esempio: le trecce.

Semplici e di sicuro effetto si possono fare in ogni modo possibile, anche reversibili e cioè uguali sia sul davanti che sul dietro del lavoro.

Se qualcuno di voi ha voglia di cimentarsi venga a trovarmi giovedì 23 novembre dalle 17 alle 19 in VIACALIMALA.

Potrete partecipare a un workshop dedicato alle trecce.

elenatrastelleegomitoli_viacalimala_venere_viking_trecce_1

Vi propongo la sciarpa Viking dove oltre ad intrecciare i punti intrecceremo anche i colori.

elenatrastelleegomitoli_VIACALIMALA_colloreversibile_1

Il collo Reversibile, per chi non ha molto tempo da perdere veloce da realizzare e da indossare senza pensarci troppo!

Ma non è finita qui: vi proporrò anche Foliage, una sciarpa dalla costruzione un po’ particolare, si lavora infatti in orizzontale e oltre alle trecce vi permetterà di giocare con filati di diverso spessore.

Curiosi?

Eventi · knit · libri · Uncategorized

Il giorno dopo

Il Salone del Internazionale del Libro di Torino si è concluso e oggi dovrei scrivere un post su questa esperienza che è stata bella, coinvolgente e molto stancante. Ma non me la sento.

Oggi è la mattina dopo la strage di Manchester. Ancora. Non me la sento di ridere e scherzare, voglio solo mandare un pensiero ai sopravvissuti e ai genitori delle vittime. Perché ho avuto paura anch’io mentre ero in coda per entrare al Salone. Eravamo su un grande piazzale: un’ auto lanciata a tutta velocità avrebbe potuto provocare una strage analoga a quella di Nizza o della Germania.

Io capisco che ognuno di noi deve andare avanti con la propria vita, è normale, ma fermiamoci qualche secondo per dedicare un pensiero alle vittime di queste stragi.

Io voglio dedicare questa immagine a tutti noi, siamo tutti uniti in un nodo, che lo vogliamo o meno.

IMG_20170520_122429

Uncategorized

Benvenuti!

Eccomi qua in questa nuova casa pronta a chiacchierare con tutti voi di ferri, gomitoli e qualsiasi altra cosa che mi venga in mente! E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho scritto su un blog, ma come dire… a volte ritornano!