L’enigma dei Tre Omini

Uno uomo va da uno psichiatra perché pensa di essere pazzo: vede tre omini che gli chiedono di fare cose innocue e lo pagano per farle. 

Inizia in questo modo L’enigma dei tre omini, di John Franklin Bardin, Polillo Editore, e in un attimo siamo dentro una storia che a tratti ricorda i racconti di Philip K. Dick e a tratti le trame di Patricia Highsmith, ma questo romanzo è stato scritto nel 1946 da un tranquillo signore che di mestiere si occupava di pubblicità. 

Bardin ha scritto in diciotto mesi tre romanzi: L’enigma dei tre omini, The Last of Philip Banter e Devil Take the Blue-Tail Fly, che non hanno avuto successo pur appartenendo al genere giallo: erano troppo strani, troppo inquietanti per i gusti dell’epoca.

L’autore è stato poi riscoperto negli anni Settanta e solo recentemente l’editore Polillo sempre a caccia di grandi classici del genere giallo da tradurre in italiano, lo ha portato in Italia. 

Il racconto si basa sui personaggi: perché si comportano in un certo modo? Perché devono affrontare determinati eventi? Loro sono consapevoli di quello che sta accadendo o no? 

Per le risposte vi rimando al libro, io almeno su un personaggio sono stata allegramente sviata: ero sicura di aver trovato il colpevole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...